Il Villaggio Virtuale

comunicazione virtuale e linguaggi della Rete

venerdì, settembre 19, 2003

Imparare a navigare in internet. E’ questo l’ambizioso progetto che ci proporremo, settimana dopo settimana, attraverso questa rubrica. Al navigante un po’ distratto può sembrare tutto facile: collegarsi, entrare in rete, visitare un sito, scaricare tutto quello che si vuole (musica, testi, immagini). Ma siamo davvero capaci di “leggere” internet? Siamo in grado di capire tutti i messaggi, anche quelli più nascosti, che la rete ci invia? Conosciamo gli effetti, positivi e negativi, che l’utilizzo di internet può avere su di noi?
Queste vi sembreranno domande banali. Credete, in realtà non lo sono.
E’ la stessa cosa che capita con la televisione. Basta tanto poco: accedere e schiacciare i pulsanti del telecomando. Ma sappiamo interpretare i messaggi che i programmi televisivi ci inviamo? Lo stesso discorso vale per internet. E riguarda grandi e piccoli. Insomma, tutta la famiglia.
“Villaggio virtuale” vi accompagnerà ogni settimana alla scoperta della rete: i servizi utili e inutili, le trappole e le ‘perle’ nascoste, le potenzialità espresse e inespresse di questo straordinario mezzo di informazione e di comunicazione.
Questa settimana poniamo l’attenzione sui più piccoli. Così come i genitori possono lasciare spesso i figli da soli davanti al televisore acceso, senza controllare cosa stanno guardando, allo stesso modo accade con il computer e con internet. Ma così come i ragazzi possono imbattersi in programmi televisivi non adatti alla loro giovane età, allo stesso modo anche navigando in rete possono fare ‘brutti incontri’ o addirittura arrivare a diventare ‘dipendenti’ da internet.
In questa sede non vogliamo valutare la qualità dei contenuti della rete. Piuttosto cerchiamo di fornire qualche indicazione ai genitori per guidare i figli ad una navigazione consapevole e al tempo stesso piacevole. Prima di tutto, il
computer non andrebbe messo nella stanza da letto dei ragazzi, ma piuttosto dove sia visibile durante l’utilizzo.
Un suggerimento: possiamo comprare un’apparecchiatura (set-top-box) da attaccare alla televisione anziché al computer. Inoltre: i ragazzi non dovrebbero usare il computer senza la presenza di un adulto in casa. E, sempre in rete, non dovrebbero mai comunicare per nessun motivo dati personali, quali indirizzo di casa o della scuola e numero di telefono o peggio che mai spedire la propria immagine a qualcuno. Inoltre dovrebbero essere avvisati dai genitori stessi dei pericoli che corrono e va loro ricordato che ogni azione ha delle conseguenze.
A questo punto emerge un elemento fondamentale: per maturare la necessaria sensibilità a questi problemi, i genitori dovrebbero imparare a conoscere loro stessi Internet più da vicino. In molti casi non è un problema di facile soluzione: non tutti i i papà e le mamme sanno usare il computer, figuriamoci navigare in rete! Però, per poter seguire più da vicino i figli, sarebbe necessario fare ogni sforzo possibile per avvicinarsi a questo mondo. Magari prendendo lezioni dai propri figli: sarebbe un’occasione preziosa non solo per imparare ad usare il computer ma soprattutto per passare più tempo tutti insieme.
In rete: consigliamo di visitare il sito “Genitori e figli” a cura di Ferdinando Offelli (http://www.keycomm.it/geninternet/intro.htm) . Una piccola guida all’accesso in rete.









Annunci

Navigazione ad articolo singolo

2 pensieri su “

  1. utente anonimo in ha detto:

    Va tutto molto bene. Una richiesta: per gli operatori sarebbe utile anche un’indicazione molto semplice per andare ad individuare i documenti ufficiali del Papa e della Cei. Che cosa esiste oltre ai siti ufficili non sempre aggiornati. Grazie. ff.

  2. Per i documenti del Magistero la fonte più aggiornata e attendibile è il sito del Vaticano (http://www.vatican.va). I documenti sono suddivisi secondo l’organo che li emette. Per quanto riguarda i documenti CEI, è appunto il sito della stessa CEI (http://www.chiesacattolica.it) l’unica fonte utile. L’unica accortezza è quella di andare a cercare i documenti desiderati nelle pagine dedicate all’Ufficio e al Servizio CEI che lo ha emesso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: