Il Villaggio Virtuale

comunicazione virtuale e linguaggi della Rete

“Io non compro più i giornali. Li leggo solo on line” . Può capitare di sentire amici e conoscenti fare questa affermazione. Basta con la carta. E’ più comodo, semplice, veloce ed economico informarsi on line. A cosa serve acquistare il giornale in edicola, se posso leggerlo in internet, come voglio e quando voglio, magari durante la pausa caffè in ufficio?
Il nostro giudizio è che carta e rete non si sostituiscono, casomai camminano insieme verso la stessa direzione, cioè offrire a ciascun utente l’informazione che richiede. Tanto è vero che spesso on line non si trova la versione integrale del giornale in versione cartacea, mentre vi si trovano servizi aggiuntivi, tipici del linguaggio e delle potenzialità tecniche del web.
Comunque la stampa periodica e quotidiana on line si sta diffondendo a macchia d’olio. Un’indagine promossa dal Circolo della Stampa di Ancona in collaborazione con Fastmedia.it, popone dati molto interessanti sulla presenza (forse inaspettatamente consistente) dei quotidiani locali e regionali on line. I dati della ricerca sono ripresi anche dal sito Ipse.com (http://www.ipse.com/osserva/osserva3.html ), con tanto di numeri, grafici, link alle testate e commenti.
La crescita maggiore l’hanno registrata le webzine (con questo termine si indicano le pubblicazioni solo online, senza corrispettivo su carta, a prescindere dalla loro periodicità).
Quasi tutti i gruppi editoriali sono ora presenti sulla Rete, anche se non tutti hanno sviluppato prodotti originali per Internet, cioè pensati per la Rete e non semplici riproduzioni online di testate cartacee. Continuano anche a fiorire le iniziative “indipendenti”, il che non significa più, come in passato, “a carattere amatoriale”: negli ultimi mesi si sono moltiplicate, infatti, le pubblicazioni realizzate in modo professionale. E’ difficile effettuare una scelta dei siti d’informazione da segnalare in questa rubrica. A livello nazionale possiamo citare due esperienze italiane: Tgcom (http://www.tgcom.it ) e Il Nuovo (http://www.ilnuovo.it). Si tratta di due quotidiani disponibili solo on line e aggiornati 24 ore su 24 in tempo reale.
Per quanto riguarda Piacenza, ricordiamo il portale creato dal quotidiano Liberta (http://www.liberta.it) dove è possibile leggere on line gli articoli della versione cartacea del giornale, oltre a sezioni di approfondimento dedicate a vari argomenti e disponibili sono on line. Anche l’altro quotidiano di Piacenza, La Cronaca, ha un proprio sito web (http://www.cronaca.it/piacenza/ ): qui troviamo solo gli articoli già pubblicati su carta.
Per quanto riguarda l’ambito ecclesiale, sono on line il quotidiano cattolico Avvenire (http://www.avvenire.it) e l’organo della Santa Sede l’Osservatore Romano (http://www.vatican.va/news_services/or/home_ita.html).
Altri quotidiani di ispirazione cattolica on line sono Il Cittadino di Lodi (http://www.ilcittadino.it/) e l’Eco di Bergamo (http://www.eco.bg.it/Ecoonline/index.shtml ). 
Inoltre trova spazio in internet anche l’agenzia di stampa SIR (http://www.agenziasir.it/).
Anche alcuni settimanali cattolici sono in internet: tra quelli locali ricordiamo Gente Veneta (http://www.genteveneta.it/). Un elenco completo è disponibile sul sito della CEI (http://www.chiesacattolica.it) nella sezione “Altri media”.
A livello nazionale segnaliamo infine i periodici delle edizioni San Paolo (http://www.stpauls.it/riviste/default.htm ), Paoline (http://www.paoline.it ) ed ElleDiCi (http://www.elledici.org/ ) , tutti disponibili anche on line con siti speciali.








Annunci

Navigazione ad articolo singolo

6 pensieri su “

  1. fin qui sono arrivatoe siccome mi c’è garbatoì mì commento t’ho lasciato

  2. fin qui sono arrivatoe siccome mi c’è garbatoì mì commento t’ho lasciato

  3. fin qui sono arrivatoe siccome mi c’è garbatoì mì commento t’ho lasciato

  4. viaggeremo per l’etere perdendo la carta e il contatto con la realtà??

  5. E’ opinione diffusa che la carta stampata non potrà mai essere soppiantata da nessun altro mezzo. Anche se il supporto cartaceo talvolta risulta difficilmente gestibile, soprattutto a livello di archivi, biblioteche, ecc.. Personalmente ritengo che viaggare on line non significhi necessariamente perdere il contatto con la realtà: internet è un mezzo di comunicazione che se utilizzato opportunamente, al pari di qualsiasi altro mezzo, può portare notevoli vantaggi e opportunità. Il punto sta proprio nella nostra capacità di conoscere bene questo mezzo e nel saperlo usare in modo corretto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: