Il Villaggio Virtuale

comunicazione virtuale e linguaggi della Rete

Il 2004 sarà per

Il 2004 sarà per “Europa”, il sito internet plurilingue dell’UE, un anno di grandi trasformazioni a cominciare dalla pagina di accesso (http://europa.UE.int/ ), che assume da oggi una nuova veste grafica.
La Commissione europea, che gestisce “Europa”, ha intrapreso questa grande opera di rinnovamento nell’intento di attrarre nuove fasce di pubblico, in particolare i giovani. Entro fine marzo il sito offrirà numerosi servizi nuovi e risulterà nel complesso più user-friendly: vanterà grafici animati, giochi interattivi, menu di navigazione più semplici ed una funzione di ricerca ottimizzata.
Gradualmente saranno aggiunte le lingue dei dieci nuovi Stati membri dell’UE, ed ulteriori cambiamenti saranno effettuati nell’estate 2004.
”Europa”, forse il più grande sito Internet al mondo, è un portale plurilingue che permette di accedere a tutte le informazioni non riservate e ai documenti ufficiali elaborati dall’Unione europea.


Gioie e dolori delle webzine


Secondo l’ultima rilevazione dell’Osservatorio informazione on line di Ipse.com, aggiornata al 31 dicembre 2003, le testate solo on line sono attualmente 1.382, il 21% in più rispetto a due anni fa. Nell’ultimo biennio hanno però cessato l’attività oltre 300 webzine. Maggiori particolari sono in rete all’indirizzo http://www.ipse.com/osserva/osserva03-4.html.



“European Safer Internet Day”
Il 6 febbraio 2004 è stato proclamato “European Safer Internet Day”. L’evento rientrava tra le iniziative della campagna di sensibilizzazione lanciata dal progetto Safe Boarders, parte integrante del Safer Internet Programme della Commissione europea. In tutti i Paesi coinvolti, quali Australia, Germania, Grecia, Italia, Lussemburgo, Norvegia, Spagna, Olanda, Gran Bretagna, la Giornata è stata celebrata con iniziative, convegni e dibattiti il cui tema centrale è stata la sicurezza in Internet e i diritti dei bambini.


Maggiori informazioni sono nel sito http://www.safer-internet.net/sid-programme.asp.



Rapporto internazionale sulla e-democracy
Il rapporto (http://www.electronicgov.net/pubs/research_papers/tracking03/IntlTrackRptJune03no5.pdf)  curato dal Commonwealth Centre for Electronic Governance offre una panoramica a livello internazionale sulle azioni rivolte allo sviluppo dell’e-governance e dell’e-democracy nella Società dell’Informazione.


L’ e-governance fa riferimento all’insieme delle norme, procedure e pratiche che determinano le modalità di esercizio di un’istituzione ed è direttamente connessa alla possibilità, da parte del cittadino, di partecipare attivamente al processo democratico attraverso l’uso delle tecnologie dell’informazione.


Tra gli esempi di buone prassi di e-democracy, citazione di merito per la rete civica del Comune di Jesi vista come esempio di riuscita interazione tra cittadini e istituzioni.



Telemedicina in Italia
Zeus News (http://www.zeusnews.it) pubblica in questi giorni un interessante dossier dedicato alla telemedicina in Italia. Nei veri articoli viene evidenziata l’attenzione crescente per l’utilizzo delle nuove tecnologie in questo settore.
In Italia il ricorso ad internet avviene per risolvere i problemi di burocratizzazione del sistema sanitario, di scarsità di risorse e di razionalizzazione dei costi, però non mancano alcuni casi di applicazioni concrete di telemedicina.








Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: