Il Villaggio Virtuale

comunicazione virtuale e linguaggi della Rete

Internet più sicura per i bambini
Il Parlamento Europeo lancia un progetto mirato a proteggere i bimbi dalle minacce del Web. Prima di tutto verrà creato il dominio .kid, che identificherà gli indirizzi Internet per bambini: sarà una sorta di marchio di garanzia e faciliteranno il compito dei genitori nella gestione dell’accesso alla Rete dei figli. Così verrebbe compiuto un passo in avanti verso la creazione di uno spazio web più sicuro, controllato da un’autorità indipendente.
Ma non è tutto. Stando al progetto emendato di raccomandazioni per l’audiovisivo e la protezione dei minori, vengono rafforzate e precisate le raccomandazioni generali che la Commissione europea aveva già elaborato nell’aprile 2004. Inoltre, accanto alla creazione del dominio ".kid", il Parlamento propone la redazione di un codice di condotta per i professionisti e gli utenti di Internet, l’attribuzione di un’etichetta di qualità ai fornitori di servizi o l’istituzione di una linea telefonica unica per denunciare le attività illegali o sospette sul Web.

Vetrate italiane
La Banca ipermediale delle vetrate italiane è un bel sito che è on line all’indirizzo
http://server.icvbc.cnr.it/bivi/ . Attualmente in via di realizzazione, questo servizio intende offrire agli studiosi un agile e dinamico mezzo di conoscenza di tutte le vetrate istoriate italiane dal VI secolo al XVI, includendo non solo quelle tuttora in situ in edifici religiosi o civili, ma anche i pannelli erratici conservati in musei e collezioni private italiani e stranieri.
Il piano di lavoro – come spiegato nel sito stesso – comprende il censimento di circa 500 vetrate.
Le schede, redatte da studiosi specialisti, per lo più membri del Corpus Vitrearum Medii Aevi, illustrano ogni vetrata nelle sue componenti storico-stilistiche, iconografiche e tecniche.
L’implementazione on line è a cura dell’Istituto per la Conservazione e Valorizzazione dei Beni Culturali (ICVBC) del CNR.

Musei virtuali
La nostra rubrica si è già occupata in passato di iniziative che hanno portato in internet interi musei, divenuti così visitabili anche solo virtualmente. Questa settimana parliamo del ‘Museo Virtuale della Certosa di Bologna’’, presentato nei giorni scorsi a Parigi alla conferenza internazionale ‘Ichim 2005’. Le informazioni culturali sulla Certosa vengono inserite in database multimediali per essere proposte all’utente attraverso varie interfacce, dal palmare ad Internet.
Questa idea potrebbe essere applicata a musei, chiese, palazzi, strade storiche: si tratta di utilizzare la visualizzazione grafica come interfaccia interattiva per accedere database di tipo culturale.

Agenzia Scalabriniana per la Cooperazione allo Sviluppo
La sua siglia è ASCS ed è il braccio operativo con il quale i Missionari Scalabriniani realizzano le loro attività di Cooperazione Internazionale allo Sviluppo. Oggi questa agenzia è presente in Europa, Africa e America Latina con progetti a sostegno dei migranti, dei rifugiati e dei minori nel campo educativo, della promozione umana e dello sviluppo dell’impresa autosostenibile.
Il sito web dell’ASCS è all’indirizzo
http://www.ascs.it/ .

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: