Il Villaggio Virtuale

comunicazione virtuale e linguaggi della Rete

Archivi per il mese di “gennaio, 2006”

La comunità virtuale di Wikipedia
E’ la più grande enciclopedia mondiale completamente e solamente on line: Wikipedia è uno spazio virtuale aperto a quanti desiderano contribuire all’allargamento della base del sapere. I lettori sono per la prima volta anche i soli autori.
Creata da Jimmy Wales è all’indirizzo
http://wikipedia.org/  . E’ disponibile in varie lingue (195), anche in italiano (http://it.wikipedia.org/wiki/Pagina_principale ). Trae il nome dal termine wiki che in lingua hawaiana significa "rapido" o "molto veloce”.
Il progetto italiano ha preso l’avvio nella primavera 2001 e conta in questo istante 125.913 articoli ‘caratterizzati – come si legge sul sito stesso – da contenuto libero e punto di vista neutrale’.
Negli ultimi tempi Wikipedia ha fatto molto parlare di sé in quanto ha introdotto una importante restrizione nell’inserimento libero di materiale da parte dei lettori-autori. L’iniziativa è stata decisa in seguito alle proteste del giornalista di Usa Today, John Seigenthaler, che aveva trovato il proprio nome citato su Wikipedia in relazione all’omicidio dei due fratelli Kennedy.
In realtà le restrizioni in questione sono rappresentate semplicemente da una registrazione resa obbligatoria per tutti gli autori che desiderano lasciare uno o più testi all’interno dell’enciclopedia. Tecnicamente parlando, in realtà le nuove restrizioni non garantirebbero al sistema Wikipedia una completa invulnerabilità e un controllo costante dei contributi. Una volta inseriti e firmati, infatti, gli articoli del portale possono essere ancora modificati ed eventualmente "manomessi" da altri utenti senza lasciar traccia.
In definitiva Wikipedia è il frutto del lavoro di una comunità virtuale di persone che si sono autoregolamentate e che solo così riescono ad offrire un prodotto di elevata qualità e notevolmente attendibile. Il fenomeno delle comunità di questo genere si sta diffondendo anche in altri settori (per approfondimenti, si consiglia di visitare la pagina http://it.wikipedia.org/wiki/Wiki ). Ad esempio esiste JurisPedia, un’enciclopedia giuridica, e anche WikiKto, progetto nato nel maggio di quest’anno e dedicato all’ambito cattolico (in lingua inglese è alla URL
http://en.wikikto.org/index.php/Main_page ).

Le ‘sorelle minori’ di Wikipedia
Wikipedia è gestita da Wikimedia, fondazione senza fini di lucro, su cui si basano diversi altri wiki progetti dal contenuto aperto e multilingue: Wikizionario- Dizionario e lessico (
http://it.wiktionary.org/wiki/Pagina_principale ), Wikibooks – Manuali e libri di testo liberi (http://it.wikibooks.org/wiki/Pagina_principale ), Wikiquote – Una raccolta di citazioni (http://it.wikiquote.org/wiki/Pagina_principale ), Wikisource – Documenti di pubblico dominio (http://it.wikisource.org/wiki/Pagina_principale ), Wikispecies – Catalogo delle specie (http://species.wikipedia.org/wiki/Pagina_principale ), Wikinotizie – Fonte di notizie a contenuto libero (http://it.wikinews.org/wiki/Pagina_principale ), Commons – Risorse multimediali condivise (http://commons.wikimedia.org/wiki/Pagina_principale ), Meta-Wiki – Coordinamento dei progetti Wikimedia (http://meta.wikimedia.org/wiki/Main_Page ).

La curiosità
L’enciclopedia Wikipedia è disponibile anche in alcuni dialetti italiani: friulano, lombardo, napoletano, sardo, siciliano e veneto.

Navigazione articolo