Il Villaggio Virtuale

comunicazione virtuale e linguaggi della Rete

Parliamo ancora di blog

Questa settimana torniamo a parlare di blog, strumento di comunicazione on line tanto diffuso quanto discusso. Lo utilizzano giornalisti, professionisti della comunicazione e non, ma anche studenti e insegnanti per comunicare tra loro, scrittori in cerca di uno spazio gratuito per potersi esprimere liberamente, gente comune che ha voglia di lasciare messaggi nel web.
Ma è possibile considerare il blog come una sorta di nuovo genere letterario, con caratteristiche proprie peculiari? Ed è possibile stabilire a priori alcune regole per stabilire come scrivere un blog?
Scrivere un blog
Per sua natura il blog unisce immagini e parole, in un mix in cui ciò che conta veramente è il risultato emozionale della comunicazione interpersonale. Non è difficile imbattersi in siti che affidano alle immagini l’esposizione di concetti o di emozioni o di fatti accaduti. Nel caso dell’utilizzo della parola scritta, è caratteristica del blog la sintesi e la rapidità: i testi sono brevi, il linguaggio spesso colloquiale.
Poiché il blog è un genere particolarmente amato dalle giovani generazioni, ritroviamo qui lo stesso stile poco convenzionale e slegato dalle regole tradizionali della ‘buona scrittura’.
Con la loro nascita e diffusione, i weblogs hanno prodotto un contributo originale e innovativo. Nuove tecnologie per nuove forme di comunicazione: comunicare di più spendendo di meno. I blog diventano in breve tempo utili strumenti pubblicare sulla Rete senza essere in possesso di conoscenze informatiche specifiche. Non solo nuovi strumenti ma soprattutto nuove modalità di comunicazione, nuovi spazi per i propri pensieri e interessi, personali e professionali.
Hanno amplificato l’accesso alla scrittura pubblica, che rappresenta forse la più grande rivoluzione di Internet.
Hanno portato un nuovo linguaggio in rete: colloquiale, rapido, sintetico, emozionale.
Hanno introdotto un nuovo modo di comunicare, entrando nel quotidiano di ognuno per disseminare nel web le proprie esperienze, le proprie emozioni, le proprie idee, in attesa che qualche navigante le legga e si confronti con esse, sempre di fronte alla potenzialmente immensa platea di Internet.
Hanno aperto le porte ad un pubblico di lettori che al tempo stesso sono anche scrittori, per lo più collocati tra le fasce più giovani d’età.
Alcune semplici regole
Nonostante questo alcuni esperti hanno tentato di determinare le regole di base per una buona comunicazione attraverso un blog. Ad esempio Jean-Marc Hardy, che ha appena pubblicato l’articolo ‘Ecrire pour les blogs’ (
http://www.redaction.be/exemples/ecrire_pour_les_blogs_mai_06.htm ) sul suo bel sito Redaction.be (http://www.redaction.be/ ). Qui Hardy detta regole intelligenti con il suo consueto garbo e tocco leggero, nelle sue pagine scritte sempre secondo le migliori regole del web writing: indici, paragrafi tutti della stessa lunghezza, frasi brevi, titoli chiarissimi e informativi, numero giusto di link, né troppo né pochi.
In Rete si possono trovare altri contributi di questo genere, i quali sono accomunati dall’idea secondo cui l’accesso alla creazione di un blog è libera, semplice e gratuita, mentre la scrittura di un buon blog è pur sempre legata ad una buona conoscenza della propria lingua e al rispetto per il lettore-navigante che può imbattersi, anche casualmente, nei nostri messaggi lasciati in Rete.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: