Il Villaggio Virtuale

comunicazione virtuale e linguaggi della Rete

Archivi per il mese di “gennaio, 2007”

Il repertorio di siti web presenti in Rete dedicati ai bambini e ai loro genitori è più ampio di quanto si possa immaginare. Molti sono indirizzati esclusivamente ai naviganti più piccoli, proponendo giochi, disegni e attività per lo svago e per la scuola. Altri, invece, si rivolgono in modo particolare agli adulti alle prese con i problemi quotidiani tipici delle mamme e dei papà: pubblicano informazioni, notizie e approfondimenti su vari argomenti. Come il sito che presentiamo questa settimana, Mammaepapa.it, una delle principali risorse on line per genitori in attesa o alle prime armi.
Una rivista da sfogliare on line
E’ uno dei principali portali italiani dedicati ai più piccoli ma navigato dalle mamme e dai papà. Si tratta di Mammaepapa.it (
www.mammaepapa.it), nato dall’esperienza di un gruppo di medici pediatri che ha messo a disposizione gratuitamente on line esperienza e competenza.
Il sito si propone come un a sorta di magazine da sfogliare e suddiviso in sezioni. Da un lato troviamo le sezioni dedicate alle diverse fasi di crescita dei bambini, dal periodo prenatale fino all’età scolare. Qui i genitori possono trovare notizie, approfondimenti, suggerimenti riguardanti la salute e l’educazione dei figli.
Un sito per tutta la famiglia
Dall’altro c’è un secondo percorso di navigazione, diviso per grandi aree di interesse: famiglia, salute, viaggi, casa. Qui sempre mamma e papà possono leggere e scaricare notizie sempre aggiornate.
Il sito è dotato anche di un motore di ricerca interno e propone ogni settimana un sondaggio ai suoi lettori, i quali possono verificare in tempo reale l’andamento delle risposte inviate.
Come ogni sito web indirizzato alle mamme, anche Mammaepapa.it offre un sistema on line per il calcolo veloce della data prevista per il parto.
Si tratta di un sito non solo ricco di informazioni e aggiornato costantemente ma soprattutto facile da navigare anche per i meno esperti di Internet. E le notizie pubblicate puntano a soddisfare gli interessi di tutta la famiglia.
Filo diretto con i naviganti
Una delle caratteristiche principali del sito, e anche un suo punto di forza, è il legame stretto che cerca di instaurare con i visitatori. A questo scopo sono state attivate numerose newsletter, tutte gratuite, che accompagnano i genitori dal periodo dell’attesa sino ai primi anni di vita del bambino. Le future mamme possono apprezzare, ad esempio, ‘9mesi’, che ogni sette giorni invia direttamente nella casella di posta elettronica utili schede con consigli e informazioni per sapere, settimana dopo settimana, cosa cambia nella donna e nel bambino che sta per nascere. C’è poi ‘Primo anno’, una newsletter definita dai curatori del sito una sorta di “‘ corso di sopravvivenza’ per apprendisti genitori, con una serie di trucchi e suggerimenti per capire ed affrontare meglio il primo anno insieme al neonato”.
Per aiutare i genitori in cucina è nata ‘Babychef’, la newsletter che propone ricette adatte ai più piccoli. Infine ‘Libri&co’ e ‘Bimbinviaggio’ sono pensate per organizzare il tempo libero di tutta la famiglia.

Proseguiamo il nostro viaggio alla scoperta dei siti web dedicati al software didattico, scaricabile liberamente e gratuitamente dalla Rete.
Per giocare ma anche per imparare:alcune risorse contenute nel sito
www.romacivica.net/margherita/download.html  sono opera dei bambini stessi.
Interessante è anche
http://scuola.linux.it , un vero e proprio portale con numerosi programmi assolutamente gratuiti.
A volte Internet può andare incontro alle esigenze di bambini che hanno problemi di apprendimento. Ed ecco che siti come, ad esempio,
www.lynxlab.com/home_it.php  oppure http://mpgigi.altervista.org/gigi/  possono offrire proposte didattiche ad insegnanti e genitori.
Anche i genitori spesso mettono in Rete le proprie competenze al servizio dei più piccoli. E’ il caso dell’autore del sito
http://utenti.lycos.it/gandu/progrdid/gandu.html  che spiega, ad esempio, il tempo, il clima, l’euro, le unità di misura.
E’ invece dedicato agli insegnanti questo Portfolio Elettronico (
www.pianetino.it/e_portfolio/portfolio_spiegazione.htm ): si tratta di un programma che consente di creare e gestire interamente al computer tutta la documentazione necessaria per la compilazione dei portfolio degli allievi di una o più classi, o di un intero istituto nel corso dei diversi anni scolastici.
Segnalo anche un Catalogo nazionale dei prodotti multimediali delle scuole (
www.e-didateca.it ), uno strumento che può risultare utile soprattutto agli insegnanti. Infine tra gli indici di risorse on line, suggerisco il sito www.rccr.cremona.it/neuropsichiatria/contents.htm  che propone idee per l’educazione e l’intrattenimento di disabili e persone con problemi cognitivi. 
                        

Annunci

La Rete non deve essere vista solo come luogo virtuale pieno di insidie, soprattutto per i naviganti più giovani ed inesperti. E’ importante sapere che vi sono molte risorse on line studiate specificatamente per i più piccoli e per i loro momenti di svago e di studio. Senza dimenticare il ruolo dei genitori, che non solo dovrebbero affiancare i figli durante la navigazione ma che possono anche trovare in Internet risorse per loro utili ed interessanti.
Uno dei siti italiani più belli e ricchi, indirizzati ai piccoli ma, a ben vedere, anche al resto della famiglia, è Bambini.it (
www.bambini.it ), un portale in varie lingue (oltre all’italiano anche in inglese, francese, spagnolo e tedesco) studiato per offrire una guida ragionata ad Internet.
Tre percorsi per centinaia di risorse on line
Bambini, insegnanti, genitori: sono queste le categorie di naviganti a cui si rivolge il sito. E per ognuna propone una selezione, ordinata e ragionata di siti web, italiani e stranieri, suddivisi per argomento. I visitatori possono partecipare all’aggiornamento delle pagine di Bambini.it inviando, tramite un semplice form on line, la segnalazione di un sito.
Inoltre il portale offre un pratico motore di ricerca interno e la possibilità di restare aggiornati sulle novità iscrivendosi gratuitamente ad una mailing list.
Tanti argomenti e testi gratuiti da scaricare
Bambini.it propone un ricco indice di siti web: canzoni e filastrocche, cartoni e fumetti, enciclopedie e musei, fiabe, giochi e sport, riviste, salute, scuole e formazione, software, indici e motori di ricerca. Come si può vedere, la scelta varia da temi legati alla scuola al tempo libero, allo studio e alle svago.
Inoltre il sito mette a disposizione dei visitatori anche alcune dispense, come, ad esempio, un piccolo corso di Internet ed un testo dedicato ai problemi quotidiani nell’uso della Rete. E’ scaricabile anche una tesi di laurea dedicata all’apprendimento ed intitolata ‘Bambini, apprendimento spontaneo’. Per visionare l’elenco completo dei testi da scaricare, si consiglia di visitare la pagina
www.bambini.it/corso.html .
Dedicato ai genitori
Molto interessante è l’ampia sezione indirizzata agli adulti, in particolare educatori e genitori (
www.bambini.it/percorsi_genitori.html ). Qui è possibile trovare informazioni, scaricare software o testi per trascorrere un po’ di tempo con i bambini.
Viene proposta una selezione di siti che spiegano quali sono i problemi nell’utilizzo di Internet da parte dei bambini, oltre ad un elenco di software che consentono a genitori ed insegnanti di limitare l’accesso alle risorse della Rete: appositamente studiati per i bambini, si basano su meccanismi di filtro ed elenchi di siti vietati o di siti comunque sconsigliati.
Infine, proprio perché non è giusto considerare la Rete solo come un pericolo assoluto da evitare o da limitare, Bambini.it propone ai genitori una selezione di siti con fiabe stampabili o scaricabili su personal computer.

Sono quasi il 93 per cento le case italiane sono è presente un computer e il 46 per cento dei bambini ha un pc nella propria cameretta. Questi sono solo alcuni dei dati contenuti nel 7° Rapporto nazionale sulla condizione dell’infanzia e dell’adolescenza, presentato lo scorso mese di novembre da Eurispes (www.eurispes.it ) e Telefono Azzurro (www.telefonoazzurro.it ). Si è trattata di una duplice indagine condotta per esplorare il mondo dei giovanissimi con età compresa tra i 7 ed i 19 anni ed il ruolo delle nuove tecnologie nella vita dei nostri figli.
Tornando ai numeri, è interessante notare che fanno uso del computer oltre l’82 per cento dei più piccolo e il 93 per cento degli adolescenti. Tra gli under 12 Internet non è molto presente, mentre diventa un compagno di studio e di giochi per i più grandicelli (66 per cento). Senza dubbio fa riflettere il 16 per cento di 7-11enni che scrive regolarmente in un forum on line oppure anche il19 per cento di giovanissimi abituati a comunicare via e-mail.
Sempre il Rapporto Eurispes-Telefono Azzurro evidenzia anche il problema, sempre più pressante, del controllo da parte degli adulti, assolutamente necessario ma purtroppo spesso assente. Infatti risulta che un bambino su tre si collega ad Internet da solo. Non stupisce che il 25 per cento si sia imbattuto, almeno una volta, in immagini che lo hanno infastidito e che addirittura il 20 per cento degli intervistati sia stato molestato in chat da parte di adulti conosciuti in Rete.
Opportunità e rischi
La Rete può rappresentare un’opportunità di crescita per i naviganti più giovani, ma anche costituire una fonte di rischi di manipolazione di violenza, più o meno esplicita. Da qui la necessità di un costante controllo da parte degli adulti, invitati non solo a vigilare sulle attività dei ragazzi davanti ad un pc ma anche a condividere con loro i momenti studio o di svago in Internet.
Però non possiamo dimenticare che le insidie sono presenti in Rete anche per gli adulti, più o meno esperti: sono all’ordine del giorno collegamenti a siti web sgraditi o addirittura pagamenti di bollette del telefono particolarmente elevate a causa di collegamenti indesiderati. Nessuno è escluso dai pericoli insiti in un utilizzo sconsiderato o inesperto della Rete.
In definitiva, tutti dobbiamo porre attenzione all’utilizzo di Internet, senza però provarci delle opportunità positive che ci offre.
Ma la Rete non un lupo cattivo
Se opportunamente utilizzata, sia da parte dei bambini sia da parte degli adulti, Internet non è però da demonizzare. Anzi. Occorre sottolineare che costituisce uno strumento ricchissimo di risorse utili per naviganti di tutte le età. Questa rubrica non ha mancato di proporre più volte alcuni itinerari di navigazione specifici sia per bambini sia per gli adulti che li aiutano a crescere.
In questo mese di gennaio ci impegneremo maggiormente su questo fronte, con uno spazio appositamente dedicato ai naviganti più piccoli.
Sono quasi il 93 per cento le case italiane sono è presente un computer e il 46 per cento dei bambini ha un pc nella propria cameretta. Questi sono solo alcuni dei dati contenuti nel 7° Rapporto nazionale sulla condizione dell’infanzia e dell’adolescenza, presentato lo scorso mese di novembre da Eurispes (
www.eurispes.it ) e Telefono Azzurro (www.telefonoazzurro.it ). Si è trattata di una duplice indagine condotta per esplorare il mondo dei giovanissimi con età compresa tra i 7 ed i 19 anni ed il ruolo delle nuove tecnologie nella vita dei nostri figli.
Tornando ai numeri, è interessante notare che fanno uso del computer oltre l’82 per cento dei più piccolo e il 93 per cento degli adolescenti. Tra gli under 12 Internet non è molto presente, mentre diventa un compagno di studio e di giochi per i più grandicelli (66 per cento). Senza dubbio fa riflettere il 16 per cento di 7-11enni che scrive regolarmente in un forum on line oppure anche il19 per cento di giovanissimi abituati a comunicare via e-mail.
Sempre il Rapporto Eurispes-Telefono Azzurro evidenzia anche il problema, sempre più pressante, del controllo da parte degli adulti, assolutamente necessario ma purtroppo spesso assente. Infatti risulta che un bambino su tre si collega ad Internet da solo. Non stupisce che il 25 per cento si sia imbattuto, almeno una volta, in immagini che lo hanno infastidito e che addirittura il 20 per cento degli intervistati sia stato molestato in chat da parte di adulti conosciuti in Rete.
Opportunità e rischi
La Rete può rappresentare un’opportunità di crescita per i naviganti più giovani, ma anche costituire una fonte di rischi di manipolazione di violenza, più o meno esplicita. Da qui la necessità di un costante controllo da parte degli adulti, invitati non solo a vigilare sulle attività dei ragazzi davanti ad un pc ma anche a condividere con loro i momenti studio o di svago in Internet.
Però non possiamo dimenticare che le insidie sono presenti in Rete anche per gli adulti, più o meno esperti: sono all’ordine del giorno collegamenti a siti web sgraditi o addirittura pagamenti di bollette del telefono particolarmente elevate a causa di collegamenti indesiderati. Nessuno è escluso dai pericoli insiti in un utilizzo sconsiderato o inesperto della Rete.
In definitiva, tutti dobbiamo porre attenzione all’utilizzo di Internet, senza però provarci delle opportunità positive che ci offre.
Ma la Rete non un lupo cattivo
Se opportunamente utilizzata, sia da parte dei bambini sia da parte degli adulti, Internet non è però da demonizzare. Anzi. Occorre sottolineare che costituisce uno strumento ricchissimo di risorse utili per naviganti di tutte le età. Questa rubrica non ha mancato di proporre più volte alcuni itinerari di navigazione specifici sia per bambini sia per gli adulti che li aiutano a crescere.
In questo mese di gennaio ci impegneremo maggiormente su questo fronte, con uno spazio appositamente dedicato ai naviganti più piccoli.

Navigazione articolo