Il Villaggio Virtuale

comunicazione virtuale e linguaggi della Rete

Creatività e qualità della comunicazione

Questa settimana torniamo a parlare di pastorale pastorale virtuale per affrontare i temi della creatività e della qualità della comunicazione.
La pastorale virtuale non è basata solamente sull’utilizzo delle moderne tecnologie, ma soprattutto sulla capacità delle persone di ricorrere a tali mezzi con creatività, originalità, fedeltà al messaggio originale. Mantenendo sempre viva l’attenzione per la ricchezza comunicativa che la Chiesa ha accumulato e sviluppato nei secoli.
Già in passato abbiamo avuto modo di evidenziare la necessità di diffondere una nuova cultura, un nuovo modo di pensare e di fare comunicazione che sappia sfruttare la tradizione artistica e le potenzialità delle moderne tecnologie per difendere il messaggio antico e sempre attuale del vangelo.
Nelle pagine precedenti è stato affrontato il problema della mancanza, talora, e della capacità di gestione delle risorse non solo economiche ma anche umane e professionali nel contesto della comunicazione.
Inoltre si è sottolineata la necessità della formazione di gruppi di professionisti che mettano al servizio della propria comunità religiosa il proprio sapere, le proprie capacità e il proprio tempo lavorando in équipe e quindi “in rete”.
Verso il domani
Le nuove tecnologie impongono anche alla Chiesa di imparare ad andare oltre all’oggi e di proiettarsi verso il domani. Questo significa preoccuparsi non solo di quello che sta avvenendo oggi nel cyberspazio, ma anche di ciò che molto probabilmente accadrà domani. Si tratta quindi di riflettere sul come usare le nuove tecnologie. Negli Stati Uniti, ad esempio, alcune diocesi usano Internet per comunicare e per distribuire la liturgia, tengono programmi radiofonici tramite Internet, hanno gruppi di discussione su Internet.
Con la tecnologia abbiamo visto che si evolve anche la comunicazione. Oggi ci viene richiesta la capacità di pensare e di comunicare, ad esempio, secondo dimensioni multimediali. E’ sbagliato ritenere che gli strumenti tradizionali verranno soppiantati o che si dovrà necessariamente operare una scelta precisa e definitiva, o con il nuovo o con il vecchio. La dimensione multimediale impone nuovi modi di vedere il rapporto fra queste due alternative, in un’ottica di collaborazione, supporto reciproco, di valorizzazione dei rispettivi punti di forza.
Formazione on line
Un altro aspetto importante della comunicazione virtuale fa riferimento all’educazione a distanza, o educazione virtuale. E’ importante per la Chiesa discutere sulla tecnologia necessaria, i metodi pedagogici, il contenuto, il problema dibattuto dell’educazione pubblica e privata, e gli aspetti giuridici. Sicuramente un nuovo modo di educare comincia ad entrare nella arena del mondo virtuale. E la Chiesa non può rimanerne esclusa.
Un primo passo importante è il primo corso di formazione a distanza per operatori pastorali, che è iniziato a gennaio e che si concluderà entro quest’anno (www.anicec.it). Si tratta del Corso di alta formazione per gli animatori della comunicazione e della cultura, promosso dalla CEI in collaborazione con la Pontificia Università Lateranense e l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

Advertisements

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: