Il Villaggio Virtuale

comunicazione virtuale e linguaggi della Rete

Archivi per il mese di “novembre, 2007”

Chi naviga in Internet non può fare a meno di non annotare i siti più interessanti visitati. E il metodo più efficace è quello di inserire e classificare per argomento tutti i siti e le pagine web nella cartella Preferiti del proprio computer. Tutte le risorse così memorizzate possono essere riviste e consultate al bisogno; con un semplice copia/incolla è possibile salvarle su un altro supporto (es. cd-rom o pen drive) per poterle avere sempre a portata di mano. In questo modo però non è consentito condividere con altri utenti i propri Preferiti o addirittura arricchire la propria raccolta grazie al contributo di altri naviganti della Rete.
Il sistema per ottenere questi risultati c’è e si chiama ‘sociale reference manager’. Sotto questo nome vanno tutte quelle piattaforme on line che permettono a chiunque di aprire un proprio spazio personale dedicato esclusivamente ai propri siti e pagine web preferite, con la possibilità di condividere con altri questi documenti. Alcuni esempi, tra i più noti: Connota (
www.connotea.org ) e CiteULike (www.citeulike.org ). Sostanzialmente si tratta di software di gestione delle risorse on-line: sono gratuiti, web-based, condivisi e soprattutto semplici da usare, anche se tutti in lingua inglese.
Questi servizi rientrano nel più ampio modello denominato folksonomy, un termine inglese, questo, derivato dall’unione delle parole inglesi gente e tassonomia. In principio era Del.icio.us (
http://del.icio.us/ ), che per primo ha adottato questo sistema che consente di creare segnalibri di URL, come ad esempio i Preferiti nel proprio browser, ma caricandoli in un ambiente condiviso.
Qui tutti possono vederli, associarvi parole chiave significative in modo da poterli ricercare per argomento. Si crea così una vera e propria rete nella rete.
Lo stesso principio viene adottato anche da altre piattaforme, ma per la condivisione di altri materiali. Pensiamo ad esempio a Flickr (
www.flickr.com ), dedicato esclusivamente alla condivisione pubblica di fotografie, oppure ancora a YouTube (www.youtube.com ) per quanto riguarda i video.
Tornando alla condivisione dei Preferiti, piattaforme quali Connota e CiteULike sono utilizzate in modo particolare da ricercatori, docenti, studiosi e bibliotecari. Dopo la registrazione (gratuita), è possibile salvare le risorse preferite del web abbinando un titolo, una descrizione, un commento e uno o più tags, cioè parole chiave che rappresentano gli anelli di collegamento con le risorse di altri utenti della piattaforma.
Alcuni esempi da consultare: Connotea:
www.connotea.org/user/sfogliaweb  ; CiteUlike (sociologia): www.citeulike.org/group/266 ; Flickr: www.flickr.com/groups/bibliotecheitaliane .
La consultazione di queste piattaforma è assolutamente libera e gratuita. L’utilizzo è soggetto ad una semplice registrazione, comunque gratuita.

Annunci

Internet è sempre più lo specchio della vita reale. E come ogni giorno siamo attenti all’immagine che diamo di noi stessi alle persone che incontriamo, allo stesso modo dovremmo impegnarci a ‘coltivare’ la reputazione che abbiamo nel web. Sì, perché è sempre più importante offrire un’idea positiva di noi stessi a chi cerca informazioni su di noi ad esempio inserendo il nostro nome e cognome in un comune motore di ricerca.
Parliamo di ‘personal brand’: infatti gli esperti di digital marketing accomunano l’immagine delle singole persone a quella delle aziende che ricorrono al web per contattare clienti e fornitori e per gestire le proprie attività commerciali.
Per chi cerca lavoro, per chi lavora con gli strumenti del web, per chi ritrova in internet citazioni sul proprio lavoro e le proprie attività (pensiamo a ricercatori, professionisti, giornalisti, comunicatori): tutti devono creare, migliorare e mantenere la propria reputazione sul web, seguendo alcune regole dettate dagli esperti di marketing.
A questo proposito segnalo un interessante documento pubblicato sul sito ChangeThis (
www.changethis.com ): ‘Build your brand in bits and bytes’ di William Arruda e Kirsten Dixson. Queste quindici slides sono dedicate, in modo particolare, alla reputazione che ognuno di noi ha o potrebbe avere in Google. ‘La carta rappresenta il passato. Internet è il presente … e il futuro’. Così scrivono i due autori che coniano la definizione ‘ personal googling’: se non sei visibile attraverso Google, allora significa che non esisti! L’affermazione può sembrare un po’ esagerata, ma è pur vero che oggi Internet è considerata da tutti, professionisti e non, una fonte privilegiata per raccogliere informazioni di qualsiasi genere e quindi anche sulle persone.
Sullo stesso argomento troviamo alcune citazioni anche in alcuni siti italiani, specializzati, per lo più, in comunicazione e marketing. In particolare segnalo il blog di Miriam Bertoli che concentra la sua attenzione soprattutto su chi cerca lavoro e quindi deve gestire la propria immagine on line proprio con questo fine. Alla URL
www.miriambertoli.com/blog/decaloghi/dieci-consigli-per-chi-cerca-lavoro/  troviamo un decalogo con i suggerimenti, semplici ma utili perché richiamano l’attenzione su alcuni principi che talvolta sfuggono a naviganti esperti e non. Il punto 5 serve a tutti: cura la tua presenza in rete. Vale per chi cerca un lavoro che abbia a che fare con il web e la comunicazione. Avere un sito web personale o, meglio ancora, un blog aggiornato è diventato quasi fondamentale: l’importante è dare di sé un’immagine fedele di se stessi. Perché la Rete è fatta di persone ed è proprio con queste persone che comunichiamo attraverso gli strumenti on line. Come ad esempio i social networks (come ad esempio LinkedIn, www.linkedin.com ): la Bertoli consiglia di dedicare tempo a frequentare quelli più adatti ai propri interessi e alla propria attività: è un modo per incontrare persone, comunicare con loro e condividere idee e progetti.

Le Frequentiy Asked Question vengono comunemente definite con l’acronomico FAQ e rappresentano una delle forme testuali più efficaci per rendere i testi più leggibili e comprensibili. Generalmente non viene posta grande attenzione sulle modalità di redazione delle FAQ, ma sta di fatto che quasi tutti i siti web e i portali hanno al loro interno una pagina (più o meno ricca) contenente un lista di domande e risposte che possono aiutare a comprendere meglio il messaggio che il sito intende comunicare.
Un ‘esperienza interessante è quella condotta dalla società statunitense E-write (
www.ewriteonline.com ), specializzata in servizi legati alla scrittura on line. Dopo avere redatto le FAQ del sito del Dipartimento dell’Energia del governo USA (http://tonto.eia.doe.gov/ask/faq.asp ) ha pubblicato una breve ma significativa guida con le indicazioni e suggerimenti. La ‘Frequentiy Asked Question Style Guide’ è scaricabile on line all’indirizzo www.ewriteonline.com/ht/a/GetDocumentAction/i/2134  : composta da sole nove pagine, è un concentrato di consigli redazionali per scrivere un documento di successo.
In rete non è facile trovare altre guide di questo tipo. Sintetica ma comunque utile può essere la pagina del sito della società Digital Core (
www.digitalcore.it/blog/?p=25 ) dove viene sottolineata l’importanza delle Faq per chi utilizza il web per comunicare con clienti o fornitori. Un pagina ben fatta con domande e risposte appropriate, pertinenti e facilmente comprensibili, aiutano l’utente ad avere un rapporto migliore con l’azienda che ricorre al web per perseguire la propria mission.
Ma è possibile definire un modello da seguire? La risposta è positiva e la troviamo sul sito WebWritingThatWorks (
www.webwritingthatworks.com ). Tutto il sito è davvero interessante e ricco di indicazioni, soprattutto per chi scrive per mestiere. In tema di FAQ, rimandiamo alla sezione ‘Working with patterns’, dove troviamo la guida dal titolo ‘How to write FAQs that really answer customer questions’ (www.webwritingthatworks.com/CPATTERNfaqs.htm ). Seguendo poche e precise regole di base, le Faq diventano uno strumento di comunicazione più importante di quanto si potrebbe immaginare.
Il testo suggerisce poi la lettura di un altro documento, linkato in formato pdf: ‘Answers to Frequently Asked Questions (FAQs)’ (
www.webwritingthatworks.com/HTfaq.pdf ). Anche qui sono riportate le regole fondamentali da seguire per redarre una pagina delle Faq efficace.

Blog cattolici piacentini
Dalla prossima settimana inizieremo a dare spazio ai blog cattolici di casa nostra. Vi invito di nuovo ad inviare le vostre segnalazioni scrivendo alla casella di posta villaggiovirtuale@gmail.com oppure inviando un messaggio al nostro sito
www.villaggiovirtuale.splinder.com . Tutti i blog segnalati troveranno spazio sulle pagine del Nuovo Giornale e del sito web della nostra rubrica.

L’animazione della pastorale della famiglia è uno dei compiti della Chiesa. Questa settimana navighiamo in Rete alla scoperta delle risorse on line utili per supportare le coppie di sposi e le famiglie cristiane, oltre, naturalmente, gli animatori nelle comunità.
Iniziamo con il portale ufficiale della Conferenza Episcopale Italiana (URL:
www.chiesacattolicva.it/famiglia ). L’Ufficio nazionale per la pastorale della famiglia, diretto da monsignor Sergio Nicolli, utilizza internet per mettere a disposizione non solo il calendario delle iniziative, ma anche numerosi documenti pronti da scaricare. Segnalo, ad esempio, i video delle settimane di spiritualità o il film-documentario ‘Il perdono è come un dono’.
Dal sito è possibile leggere e scaricare (in formato pdf) anche alcuni quaderni editi dalla CEI, tra cui "La famiglia nell’esperienza del dolore. Atti del convegno di Cianciano” (27-29 gennaio 2006) e "Progettare e animare la pastorale familiare in diocesi. Atti dell’Incontro Nazionale dei responsabili diocesani”. Inoltre è on line anche il Direttorio di pastorale familiare datato 1993.
Siti e portali
Alcune coppie di sposi hanno dato vita ad un altro portale davvero ricco di documenti, testi e link. Si tratta di PastoraleFamiliare.it (
www.pastoralefamiliare.it ). ‘La famiglia ha la missione di diventare sempre più quello che è: una comunità di vita e di amore’. Questo è il manifesto del sito che propone numerosi documenti inerenti: preparazione al matrimonio, regolazione naturale della fertilità, spiritualità familiare, famiglie irregolari, cammino spirituale della vedovanza, rosario preghiera della famiglia. E poi ancora: tutti gli appuntamenti in Italia, i link con gli uffici diocesani, i documenti della CEI, i link alle riviste che trattano di famiglia e Chiesa. Iscrivendosi alla newsletter gratuita, periodicamente si possono ricevere direttamente nella casella di posta elettronica le novità sia del sito sia del settore della pastorale familiare.
Anche il Portale della Famiglia (
www.familylive.net ) è una risorsa interessante per la ricchezza e la qualità dei contenuti. Addirittura qui è possibile seguire corsi registrati o in videoconferenza curati ad un psicopedagogista.
In Internet è possibile trovare numerosi altri siti web dedicati ad associazioni, comunità, gruppi, centri studi,giornali e riviste, mailing list. Per un elenco più dettagliato, rimando al portale SitiCattolici (
www.siticattolici.it ), nella sezione ‘Pastorale e spiritualità’.
Famiglia e Chiesa piacentina
Ricordiamo che il nostro Ufficio diocesano per la pastorale familiare ha una propria pagina web all’interno del sito
www.diocesipiacenzabobbio.org . Sostenuto e promosso dalla Chiesa locale a Piacenza è particolarmente attivo l’Istituto La Casa di Piacenza (www.consultoriofamiliare.pc.it ). Nato nel 1970 su iniziativa del vescovo Manfredini, ha ‘lo scopo di promuovere e coordinare iniziative a favore della famiglia e operare nel campo sociale per promuovere una cultura sensibile ai valori della famiglia e della vita’. Nel 1971 viene avviato il Consultorio Familiare, a cui si affianca, otto anni più tardi, il Servizio di aiuto alla vita, che dal 1990 si chiama Servizio Famiglia e Vita.

Questa settimana pubblichiamo un aggiornamento sui blog cattolici. Infatti negli ultimi anni è letteralmente esploso l’interesse verso questo strumento di comunicazione on line, anche da parte dei cattolici italiani.
In rete risultano circa duecento siti, creati da singoli fedeli o da comunità, che sfruttano la tecnologia del web per scambiarsi idee e per comunicare virtualmente.
Già in passato la nostra rubrica ha presentato le prime esperienze on line. Di seguito riportiamo una una nuova breve selezione dei blog più interessanti e costantemente aggiornati e frequentati.
Pensieri e parole –
http://diaconi.blogspot.com 
Il blog è curato dal diacono Luigi Testa ed è dedicato ai diaconi permanenti italiani.I diaconi in Italia sono circa 3000 e svolgono un ministero che il Concilio Vaticano II ha voluto ripristinare.
Cogitor –
http://cogitor.splinder.com 
E’ a cura di Michelangelo Nasca e riporta riflessioni, commenti, confronto e dialogo relativamente al mistero del Cristianesimo.
Figlia di Maria Ausiliatrice –
http://suorbernardina.splinder.com 
Creato da suor Bernardina Bertarelli, raccoglie riflessioni dell’anima sulla Parola di Dio e sul quotidiano.
Il piccolo Zaccheo –
http://piccolozaccheo.splinder.com 
E’ un ‘bollettino di cultura e di cose cristiane’ in forma di blog.
Lo spillo –
www.lospillo.it  
Don Diego Goso aggiorna il suo blog con riflessioni religiose e note personali.
Il blog di Luigi Accattoli –
www.luigiaccattoli.it/blog
Giornalista vaticanista del ‘Corriere della Sera’, Accattoli ha creato uno spazio on line ricco di articoli, link e approfondimenti dedicati all’attualità della Chiesa cattolica.
Oltre l’ora di religione –
http://blog.scuolaer.it/blog.aspx?IDBlog=745  
Un blog tra i ragazzi che si avvalgono dell’insegnamento dell’ora di religione e la loro insegnante (ma non solo), per continuare l’ascolto e il dialogo anche on line.
Palazzo apostolico –
www.palazzoapostolico.it/dblog/  
Il vaticanista del quotidiano Il Tempo, Paolo Luigi Rodari, cura questo blog che offre notizie su tutto quanto ruota attorno al Vaticano.
Pesce vivo –
http://pescevivo.splinder.com
Blog dedicato all’attualità religiosa e al dibattito ecumenico.
GionaBlog –
www.giona.splinder.com
Politica, religione e attualità sono al centro di questo sito. Le novità possono essere ricevute anche attraverso la newsletter inviata regolarmente in casella di posta elettronica.
Segnalo anche Blog cattolici (
www.blogcattolici.blogspot.com), portale che intende creare una rete di collegamento tra i numerosi blog cattolici presenti in Internet.

Blog piacentini
Il Villaggio virtuale lancia un appello a tutti i blogger cattolici piacentini. Se avete creato anche voi un blog on line, segnalatelo alla nostra casella di posta (villaggiovirtuale@gmail.com) oppure lasciate un messaggio sul nostro sito. Il vostro blog troverà spazio proprio sulle pagine del Nuovo Giornale.

Navigazione articolo