Il Villaggio Virtuale

comunicazione virtuale e linguaggi della Rete

Archivi per il mese di “luglio, 2008”

W la Profe

Dal web alla carta il passo è spesso breve. Non è più inusuale che un successo della Rete diventi anche un caso letterario. Un recente esempio è il libro ‘La Profe’ di Antonella Landi (Mondandori, 2007), insegnante toscana che porta alla ribalta la sua esperienza nel mondo della scuola. In primo piano i ragazzi di oggi e il loro rapporto con il mondo che gli circonda.
La Landi si presenta come una insegnante in stile Attimo fuggente, ironica, leggera, mai noiosa e mai scontata. Armata di passione per il suo lavoro, per la scuola e per i suoi studenti, racconta storie di vita ordinaria nelle quali molti si possono rispecchiare.
In principio era il blog
L’autrice ha cavalcato l’onda del successo del suo blog ‘Profe, mi giustifici’ (
http://laprofepuntoit.splinder.com) per proporre un’immagine fresca e realistica della vita tra i banchi di scuola.
Questo sito riflette lo stile coinvolgente della Landi, già affermata divulgatrice radiofonica: nei post, racconti di ‘vita da profe’, alle prese con gioie e dolori della scuola vissuta giorno per giorno.
E’ un bell’esempio di interazione tra vita reale e web, che ha riscosso grande successo non solo presso gli internauti frequentatori dei blog ma soprattutto i giovani che ritrovano anche una parte di loro stessi negli scritti della ‘profe’ toscana.
Non si tratta del solito blog utilizzato come prosecuzione virtuale delle lezioni in aula: è un diario personale che è diventato comunque luogo di incontro on line per la docente e i suoi ragazzi .
La Profe alla radio
Dal blog è possibile scaricare un simpatico rap dantesco ‘Permesiva’, scritto e interpretato dalla profe e dai suoi alunni. Inoltre i link per ascoltare le lezioni della Landi in diretta su Radio Deejay e altri suoi interventi radiofonici e televisivi.
Antonella Landi è autrice anche del volume ‘Storia (parecchio alternativa) della letteratura italiana’ (Mondatori, 2008), dove con stile brillante e audaci scelte di contenuto, pone i ‘grandi’ della letteratura sotto una luce diversa. In primo piano la bellezza delle opere che hanno segnato la storia della cultura italiana.

La Scuola nel web,
il web nella Scuola
Essediquadro (
www.sd2.itd.cnr.it) È un servizio sperimentale di documentazione e orientamento sul software didattico, è stato sviluppato dall’ITD in convenzione con il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca. Un servizio gratuito principalmente orientato ai bisogni dei docenti in servizio e in formazione.
Consente di accedere ad una completa documentazione sulle caratteristiche didattiche e tecniche di oltre 4000 prodotti software utilizzabili nella didattica.
LabTD (
www.labtd.it) è il Laboratorio Tecnologie Didattiche per Docenti “Marina Molinari e Sonia Scorza”, familiarmente detto LabTD, è un centro della Scuola Media Don Milani Colombo di Genova dedicato alla formazione permanente dei docenti.
Progettato dal CNR-ITD, il Laboratorio è stato realizzato nel 2005-2006 mette on line tutta la documentazione relativa alle sue molteplici attività.

Gli insegnanti scelgono il web

Molti insegnanti si affidano al web per condividere con colleghi e genitori le loro esperienze didattiche. Ne risultano siti davvero interessanti e utili, sia per chi insegna sia per chi accompagna i bambini e i ragazzi nel difficile percorso di crescita. Questa settimana vi propongo alcuni esempi.
Tutto sulla lettura
Si chiama Simona Maiozzi, vive e lavora a Roma e da pochi mesi ha creato il sito della ‘lettrice espressiva’ (
www.letturacheavventura.it): tante pagine dedicate alla lettura, con progetti per insegnanti e contenuti per i bambini.
Dalla passione dell’autrice nasce quindi un vero e proprio portale con tante risorse gratuite da leggere e scaricare, dedicate non solo ai bambini, agli insegnanti e ai genitori ma anche a librai, bibliotecari, educatori, neo mamme e neo papà, nonni e lettori di ogni età. Alcuni esempi: nel sito della Maiozzi troviamo letture animate, letture per neonati, progetti per leggere a scuola, in libreria o in biblioteca, fiabe e favole, recensioni libri per l’infanzia, progetti lettura a scuola elementare e dell’infanzia, valutazione progetti di lettura e altro ancora.
Dedicato al mondo dell’infanzia
Da segnalare il portale InfanziaWeb (
www.infanziaweb.it), ideato da Carmen, un’insegnante di scuola dell’infanzia della provincia di Torino. Nato dalla volontà di colmare una lacuna della Rete, dove scarseggiano informazioni e materiale per gli asili nido e le scuole materne, questo sito ‘dedicato alla scuola dell’infanzia, o meglio – precisa l’autrice nella presentazione – ai bambini e alla loro formazione dai tre ai sei anni, formazione che avviene attraverso la famiglia, la scuola e tutta la comunità sociale.
Gli argomenti, trattati in modo diretto e spesso legati alla quotidianità, possono quindi essere utili sia agli insegnanti che ai genitori’.
Insegnare cantando
‘Grammaticanto’ è un’iniziativa di Alberto Villa e Mariella Chieco (
www.grammaticanto.it), insegnante il primo, pedagogista la seconda. Insegnare cantando: questa è l’idea di fondo dei progetti proposti dal maestro Villa, sfociati non solo in questo sito web ma anche in uno spettacolo proposto ai bambini delle scuole elementari e in un corso di formazione e aggiornamento multimediale per insegnanti.

La Scuola nel web,
il web nella Scuola

eTwinning è il portale dedicato ai gemellaggi elettronici tra scuole (URL:
http://etwinning.indire.it/). Si tratta di uno strumento per creare partenariati pedagogici innovativi grazie all’applicazione delle Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (TIC).
Dedicato alla formazione permanente in Europa è invece il portale LLP – Lifelong Learning Programme (
www.programmallp.it), nato dall’impegno preso con la Commissione europea e le autorità nazionali da Agenzia Scuola (ex Indire) e Isfol. Con notizie, progetti, informazioni, documenti, eventi, studi e dati statistici: tutto quello che c’è da sapere sul percorso formativo che dovrebbe accompagnare l’adulto nella sua vita lavorativa.

Le diete mediatiche giovanili

I giovani sono sempre più legati alle nuove tecnologie ed è quindi indispensabile tenerne conto per imparare a conoscerli e per comunicare con loro. La conferma viene dall’ultimo, il settimo, Rapporto Censis/Ucsi sulla Comunicazione, “L’evoluzione delle diete mediatiche giovanili in Italia e in Europa”, presentato nei giorni scorsi.
Come si profila il rapporto giovani-nuovi media? Negli ultimi quattro anni i giovani utenti della rete crescono dal 61% all’83%. Ma leggono più libri dei coetanei spagnoli e francesi.
Il balzo in avanti nell’uso di Internet da parte dei giovani italiani tra i 14 e i 29 anni è stato notevole: tra il 2003 e il 2007 l’utenza complessiva (uno o due contatti alla settimana) è passata dal 61% all’83% dei giovani, e l’uso abituale (almeno tre volte alla settimana) dal 39,8% al 73,8%.
Ma l’indagine sulle relazioni tra giovani e media registra un aumento generalizzato nell’impiego di tutti i media. Il cellulare è praticamente da tutti i giovani (il 97,2%), ma è interessante notare che il 74,1% di essi legge almeno un libro all’anno (esclusi ovviamente i testi scolastici) e il 62,1% più di tre libri.
Gli internauti crescono di quasi il dieci per cento: in definitiva i giovani che usufruiscono di mass media sofisticati e digitali rappresentano circa il 45 per cento.
Una sintesi del Rapporto è disponibile on line all’indirizzo
http://www.nonprofitonline.it/static/allegati/censis7com_sintesi.pdf  
Nella fascia d’età tra i 14 e i 18 anni sembrano comunque prendere sempre più il sopravvento le nuove tecnologie, come il pod-cast, l’mp3 da internet, i lettori digitali usati anche come radio e le playlist scambiate attraverso i blog. Interessante il commento di Giuseppe Roma, direttore generale del Censis, in occasione della presentazione del Rapporto: “I giovani sembrano volersi accostare sempre più a mezzi di informazione più obiettivi, meno legati alla politica ma anche ad una televisione che si frammenta in tante tv per poterla utilizzare al meglio. C’è un grande incremento della radio e anche della lettura dei libri. Il libro è quello che ha fatto il balzo in avanti più significativo dal 2006 al 2007. Una medialità che non è più orale ma anche scritta e, quindi, più riflessiva”.

La Scuola nel web,
il web nella Scuola 
E’ un progetto sull’utilizzo delle tecnologie nell’insegnamento. ‘Alphacentauri’ (
www.alphacentauri.it) è un portale che mette a disposizione una grande quantità di materiale: dispense, tutorial, schede, videocorsi, suggerimenti e indicazioni utili per i docenti delle scuole di ogni ordine e grado. 
Il CORFAD – Centro di competenza per la promozione e il testing di metodologie e prototipi di ambienti per l’ORientamento e la Formazione A Distanza (
www.corfad.it) è un progetto promosso da Fondazione RUI, Istituto per le Tecnologie Didattiche del CNR di Palermo e Techsystem S.p.A.. L’obiettivo è quello di testare ambienti di e-learning coinvolgendo docenti e studenti delle scuole italiane. Tutte le informazioni sui prototipi sono disponibile sul sito.

Fare scuola in Europa

Il mondo della scuola e della formazione trova nelle istituzioni europee un valido alleato per la promozione di nuove iniziative e per il consolidamento delle esperienze già collaudate. Il documento più recente e fondamentale è i programma dell’Unione Europea "Istruzione e formazione 2010” (on line all’indirizzo http://ec.europa.eu/education/index_en.html), che definisce il quadro di riferimento delle politiche nazionali e dei programmi finanziati dall’UE.
Ma spesso sia gli studenti sia i professionisti del settore lamentano la difficoltà a reperire tutte le informazioni sulle opportunità messe a disposizione dall’Unione Europea. Ecco allora che la Regione Emilia Romagna ha creato una sezione all’interno del portale Spazio Europa (
www.spazioeuropa.it), dove vengono pubblicati aggiornamenti, informazioni utili, link ad altri siti correlati.

La pagina dedicata al mondo della scuola è alla URL www.spazioeuropa.it/scuola/: qui troviamo indicazioni interessanti su dove navigare in rete alla ricerca di informazioni. Ad esempio la Regione ha creato un sito pensato appositamente per i ragazzi: si tratta di “Circoli Europa” (www.europa.iav.it/progetti/circoli_europa.htm) , ideato per creare gruppi di informazione e documentazione nelle scuole di ogni ordine e grado. Ma non solo.
Le informazioni più generali sono reperibili sul sito Form-azione (
www.form-azione.it), mentre le novità, i bandi, tutte le "istruzioni per l’uso" per partecipare a progetti per la scuola da realizzare con i contributi europei sono disponibili all’indirizzo: http://www.form-azione.it/operatori .
Il settore educativo nei Paesi dell’Unione
Segnalo anche un’altra opportunità in rete per conoscere più da vicino l’impegno dell’Europa a favore della scuola e dell’istruzione. Eurydice (www.eurydice.org) è una rete d’informazione su tutto il settore dell’educazione nell’Unione. I contenuti sono disponibili in inglese, francese e tedesco. Sono consultabili liberamente anche alcune banche dati contenenti preziose informazioni su scuole, sistemi scolastici e progetti didattici nei vari Paesi europei.

La Scuola nel web,
il web nella Scuola
Europafacile (
www.europafacile.net) è un portale sulle politiche e i finanziamenti dell’Unione europea, realizzato da Politiche dell’Unione Europea e Cooperazione internazionale di ERVET – Emilia-Romagna Valorizzazione Economica del Territorio SpA per conto della Regione Emilia-Romagna. Ogni giorno viene aggiornato con informazioni utili per comprendere meglio l’iter di elaborazione degli atti relativi alle politiche europee e le modalità di accesso alle opportunità di finanziamento comunitarie.
European SchoolNet (
www.eun.org) nasce dalla cooperazione tra Ministeri dei vari Paesi Europei che si occupano di educazione e formazione. Si propone di fare da collegamento tra le varie iniziative europee, presenti anche sul web, miranti a promuovere la collaborazione tra scuole, insegnanti e studenti in tutta l’Unione.
Xplora (
www.xplora.org) è il portale Europeo per l’educazione scientifica, gestito da European Schoolnet ed è dedicato a insegnanti, studenti, comunicatori scientifici e, in generale, a cultori della scienza. Offre notizie, informazioni, strumenti, progetti, risorse ed altro ancora per l’educazione della scienza. E’ stato creato nell’ambito di PENCIL (Permanent EuropeaN resource Centre for Informal Learning), un progetto finanziato dalla Commissione Europea – Direzione Generale per la Ricerca, nell’ambito della linea d’azione Science and Society.

La scuola in TV

Il web 2.0 entra nelle scuole dell’Emilia Romagna. Con un progetto innovativo l’Ufficio Scolastico regionale lancia la prima web tv dedicata al mondo della didattica e dell’insegnamento.
Inaugurato lo scorso 29 maggio, il nuovo canale informativo ha trasmesso la sua seconda edizione lo scorso 12 giugno, a ciclo continuo: ogni quindici giorni gli utenti del servizio scolastico in regione potranno essere informati con notizie sugli avvenimenti e le scadenze più importanti.
Come evidenziato nel corso dell’inaugurazione, la nuova web tv sarà prima di tutto un contenitore per i notiziari web dell’USR per l’Emilia-Romagna. Quindi verranno trasmessi video-notiziari accessibili semplicemente cliccando su
www.istruzioneer.it: non solo informazioni provenienti dall’intera regione, ma anche contributi video creati dalle singole realtà scolastiche.

Scuola e territorio in primo piano
Si propone di diventare un canale fondamentale per la community regionale che diffonderà ad un ampio pubblico le esperienze di scuola e territorio.
Focus principali saranno la didattica e lo sviluppo professionale e rappresenta quindi anche un’occasione unica di aggiornamento. I video sono della durata di circa 15 minuti e possono essere visti anche on-demand: infatti le edizioni già andate in onda saranno consultabili dall’archivio.
Il notiziario è stato realizzato dopo un’attenta fase di sperimentazione e rappresenta un’anteprima nazionale per quanto riguarda il MIUR: una delle prime esperienze sviluppate dalla Pubblica Amministrazione per comunicare le iniziative, gli eventi e le novità in maniera attuale.
Como sottolineato dal direttore generale Luigi Catalano, tale notiziario è stato pensato per aprirsi non solo alle informazioni provenienti dall’intera regione, ma anche ai contributi video creati dalle singole realtà scolastiche, così da diventare canale di diffusione delle tante esperienze di scuola e territorio che alimentano la vita quotidiana delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado.

La Scuola nel web,
il web nella Scuola

“Innovazione e Integrazione” (
www.csc-er.it) è il portale della Regione Emilia-Romagna dedicato ai temi dell’integrazione tra scuola e formazione professionale. Di recente è stato rinnovato, nella grafica e nei contenuti: più semplice da consultare e più ricco di informazioni, testi e documenti.
La Costituzione Italiana compie 60 anni e il Parlamento Italiano ha realizzato una piattaforma didattica indirizzata alla scuole di ogni ordine e grado. Alla URL
www.camera.it/eventicostituzione2007// è possibile trovare la storia, il testo, le riforme, la formazione della nostra Costituzione. Inoltre le lezioni in formato audio e video “Dalle aule parlamentari alle aule di scuola: lezioni di Costituzione”.
Sullo stesso tema segnalo il progetto Wiki-Cost che ha lo scopo di realizzare un Wiki sui princìpi fondamentali della nostra Carta Costituzionale, coinvolgendo gli studenti del territorio provinciale di Forlì-Cesena. Tutte le informazioni all’indirizzo
http://wiki-cost.criad.unibo.it/wiki_costituzione/doku.php.

Navigazione articolo