Il Villaggio Virtuale

comunicazione virtuale e linguaggi della Rete

Arriva la prima biblioteca digitale per l’Europa

Il progetto si chiama Europeana (il sito ufficiale è all’indirizzo www.europeana.eu ) e rappresenta una delle esperienze più importanti in tema di digitalizzazione delle opere culturali. Verrà inaugurato il prossimo novembre e sarà il sito unico per l’accesso alle più importanti opere culturali dei Paesi dell’Unione Europea (http://ec.europa.eu/italia/attualita/primo_piano/
istruzione/biblioteca_digitale_it.htm
).
Una vera rivoluzione, attesa da tempo e ora diventata realtà. Con Europeana saranno accessibili dal web manoscritti e opere d’arte di biblioteche e musei, senza dover uscire di casa.
Il progetto della biblioteca digitale europea rientra nell’iniziativa i2010, adottata dalla Commissione il 1° giugno 2005. E’ nato da un’iniziativa della Banque Nationale de France e vede partecipare per l’Italia anche le biblioteche nazionali di Firenze e di Roma. Tali istituzioni si aggiungono ad altre del calibro del Louvre e del British Museum.
Intanto su questo stesso fronte anche imprese private stanno percorrendo con successo la strada della digitalizzazione delle opere: pensiamo a Google Library, progetto partito nel 2004, che ha già digitalizzato 10 milioni di opere e raggiunto accordi con importanti università europee.
Ecco due link utili per approfondire l’argomento: The European Library –
http://search.theeuropeanlibrary.org/portal/it/index.html ; World Digital Library – www.worlddigitallibrary.org/project/english/index.html .

Altri progetti
C’era una volta l’amico di penna, grazie al quale spesso si imparava anche volentieri una lingua straniera. Oggi Internet ha cambiato tante cose. Ce lo dimostra il progetto eTandem: si tratta di un’iniziativa internazionale, coordinata in Germania dall’Università della Ruhr di Bochum, che sta diffondendo, grazie anche al sostegno economico della Commissione Europea, un nuovo concetto di didattica on line. L’amico di penna è ora un compagno in Internet con il quale si intrattiene un carteggio virtuale utilizzando gli strumenti messi a disposizione dalla Rete.
Tutte le informazioni all’indirizzo
www.slf.ruhr-uni-bochum.de/etandem/etindex-it.html
Si chiama LEGO Education Wedo (
www.ni.com/academic/wedo/) ed è una nuova piattaforma messa appunto dallo storico marchio famoso nel mondo per i giochi per bambini. Si tratta di un ambiente di apprendimento che può essere utilizzato anche nelle scuole elementari. Con questa applicazione i bambini potranno programmare i movimenti dei modellini Lego da loro costruiti semplicemente collegando il giocattolo al pc.

Appuntamenti
Il prossimo 30 settembre si terrà a Roma il seminario ‘Robotica Educativa’ che avrà lo scopo il tentare di fare il punto sui recenti sviluppi della robotica educativa attraverso un confronto tra robotici, ingegneri, psicologi, educatori ed insegnanti. Maggiori informazioni sul sito
http://tinyurl.com/55p46k .


Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: