Il Villaggio Virtuale

comunicazione virtuale e linguaggi della Rete

Archivi per il mese di “giugno, 2009”

Una scuola sempre più digitale

Internet non va mai in vacanza e anche la scuola, che si appoggia sempre più alle nuove tecnologie, continua a sfornare interessanti novità, anche nel periodo estivo.
Questa settimana iniziamo con il segnalarvi la recente presentazione del Piano d’intervento “La scuola digitale” avvenuta alla presenza del ministro Gelmini nel corso del Symposium Internazionale “Global ICT in Education Networks”.
Si parla sempre e ancora di più di diffusione della cultura digitale nella scuola italiana: il progetto è coordinato dal Miur e dall’Agenzia per lo Sviluppo dell’Autonomia Scolastica (ex Indire) ed è l’ultimo di una serie di importanti provvedimenti messi in campo dal Ministero per diffondere le tecnologie digitali in classe.
Questo Piano d’intervento si articola in due fasi. La prima – già operativa – prevede l’introduzione delle “Lavagne interattive multimediali (LIM)”, mentre la seconda – denominata ‘cl@ssi 2.0’ – ha come obiettivo l’utilizzo delle ICT nelle scuole primarie e secondarie di I grado.
A partire dal prossimo anno scolastico (2009-2010) saranno installate 16.000 LIM in altrettante classi della scuola secondaria di I grado. Inoltre 50.000 insegnanti saranno coinvolti in percorsi di formazione che interesseranno oltre 350.000 studenti
Le novità per docenti e genitori vengono dal web
Ma non è tutto.
Dal prossimo anno scolastico la gestione degli incarichi (con la chiamata dei docenti senza incarico) per le supplenze sarà online: l’intento è quello di risparmiare tempo e denaro. In più le graduatorie potranno così essere aggiornate in tempo reale.
Continuerà poi anche nel nuovo anno scolastico l’impegno per migliorare il dialogo tra scuola e famiglia grazie alla Rete. I genitori verranno informati sulle assenze dei propri figli attraverso sms, le pagelle saranno consultabili online e nelle Scuole Secondarie di II grado sarà avviata la gestione automatica delle presenze-assenze.
Il sito web del Ministero della Pubblica Istruzione riporta ulteriori informazioni e approfondimenti (
www.pubblica.istruzione.it ).

“La documentazione al servizio dell’integrazione”
Così si presenta il portale ‘Innovazione e integrazione tra scuola e formazione’ (
www.csc-er.it ) della Regione Emilia Romagna. Si tratta di un interessante esempio di come le varie realtà locali possano comunicare e integrare le proprie esperienze e i propri progetti educativi e didattici.
Il sito – che riporta anche utili approfondimenti relativi alla situazione piacentina – propone particolari percorsi di ricerca inerenti le strategie, la progettazione, il monitoraggio, la valutazione e la certificazione, riordina in appositi database tutte le informazioni inviate da tutta la nostra regione. In particolare segnaliamo la banca dati delle esperienze realizzate e la banca dati progetti con tutti i progetti integrati attivati nelle scuole emiliano-romagnole.

In più offre materiali di approfondimenti, notizie, contributi e riflessioni di esperti e addetti ai lavori.

Scuola 2.0

Quest’anno la nostra rubrica si è posta come obiettivo quello di seguire da vicino il rapporto da scuola, educazione e nuove tecnologie. Abbiamo sempre avuto l’imbarazzo della scelta, tra iniziative, progetti, portali e siti web, sia italiani sia stranieri. Segno, questo, che le tecnologie sono sempre più uno strumento prezioso per studenti e insegnanti e tutti coloro impegnati nella formazione.
Sono numerosi i progetti che si consolidano e si ampliano, come ad esempio InnovaScuola, il portale che il Dipartimento per l’Innovazione e le Tecnologie che ha realizzato come evoluzione del sito Digiscuola. Da alcuni giorni si è arricchito di nuovi contenuti interattivi per le scuole di ogni ordine e grado. Con una nuova veste grafica, si rivolge a tutti i docenti che vogliono scoprire e utilizzare i supporti multimediali per l’insegnamento. Il cuore della nuova piattaforma è la Libreria Digitale Aperta(http://www.innovascuola.gov.it/opencms/opencms/innovascuola/LDA ), che ospita centinaia di contenuti didattici consultabili e scaricabili gratuitamente, insieme ad altre risorse a pagamento messe a disposizione dagli editori abilitati.
Presto InnovaScuola metterà a disposizione degli strumenti didattici multimediali, per chi desidera conoscere o migliorare l’uso delle nuove tecnologie applicate alla didattica, come le Lavagne Interattive Multimediali e gli eBook.

Educare ai media
In questo quadro si rende sempre più necessaria una corretta educazione all’utilizzo dei media, specie quelli legati alle nuove tecnologie. A portare l’attenzione su questo tema ci penserà la quarta edizione di Medi@tando, biennale nazionale per l’educazione ai media in Italia. Il convegno si terrà dal 19 al 21 ottobre 2009 e vorremmo prepararlo con i tanti militanti della media education nel nostro Paese. L’organizzazione è a cura di Zaffiria – Centro permanente per l’educazione ai mass media, che sul suo sito web (
www.zaffiria.it ) mette a disposizione anche buona parte dei testi delle relazioni presentate nelle edizioni passate di Medit@ndo.

Cinema, comunicazione, internet
E’ stato avviato anche un altro progetto, che mira a creare una piattaforma aperta e partecipata sul cinema e la comunicazione audiovisiva. Si tratta di COME – COnoscenza Multimediale Elettronica (www.comecinema.it ). “Il progetto è promosso e coordinato dall’Istituto per i Beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna (IBC E-R) – spiega il project manager Vincenzo Bazzocchi – per creare una piattaforma aperta e partecipata sul cinema e la comunicazione audiovisiva. L’accesso al portale permette di ottenere informazioni, chiarimenti e indicazioni sul cinema e la sua cultura, fare ricerche sul materiale audiovisivo presente nei cataloghi on line dell’Emilia-Romagna, consultare un repertorio organizzato di link sul cinema, e fruire di spazi digitali per immagazzinare e divulgare filmati, video e documentari prodotti dagli stessi utenti”.

Navigazione articolo