Il Villaggio Virtuale

comunicazione virtuale e linguaggi della Rete

Google: novità

Novità in casa Google. Le modalità di ricerca con il più famoso motore del web cambiano con un’innovazione introdotta nei giorni scorsi. Parliamo di Google Instant, che già a poche ore dalla nascita ha sollevato due cori contrastanti: chi lo odia e chi lo ama.
Ma vediamo di che cosa si tratta. Quando si utilizza Google ora i risultati della ricerca appaiono in tempo reale mentre si digita la chiave di ricerca fin dalla prima lettera, modificandosi a mano a mano che la scrittura viene completata e cercando di indovinare le parole che si stanno scrivendo. Un’evoluzione di Google Suggest, che permette di fare a meno di cliccare sul pulsante Cerca o di premere Invio per ottenere i risultati delle proprie ricerche.
Il vantaggio dichiarato è quello di risparmiare tempo ed energie quando si usa il motore di ricerca: Google ha calcolato che in media si risparmieranno dai 2 ai 5 secondi per ogni ricerca; su base mondiale, ciò si traduce in 3,5 miliardi di secondi ogni giorno, ossia 11 ore ogni secondo.
Il nuovo Google Instant è attivo per tutti sulla versione inglese di Google e in quelle disponibile in Germania, Francia, Spagna, Italia e Regno Unito ma solo per chi fa login con il proprio account Google. Chi invece non vuole utilizzare il servizio può disabilitarlo dall’apposito link posto nell’homepage.
Non tutti i naviganti stanno apprezzando questa innovazione: per alcuni i suggerimenti per la ricerca sono inutili se non addirittura fuorvianti (ad esempio, chi l’ha detto che se inserisco la lettera ‘f’ il primo risultato suggerito deve essere proprio ‘Facebook’?), per altri i tempi di ricerca si allungano ulteriormente perché il nuovo sistema crea confusione.
Nel blog ufficiale si legge "Google Instant permette di anticipare le vostre ricerche": è vero ma solo in parte proprio perché la ricerca diventa anche troppo guidata e la libertà del ricercatore viene come ‘imbrigliata’.
Comunque Google Instant è solo agli inizi; vedremo se e come questa novità continuerà la sua vita e come, eventualmente, si evolverà per soddisfare tutti gli utenti.
Intanto tra gli aspetti positivi possiamo evidenziare che il nuovo sistema di ricerca non funziona proprio con tutti i termini. Ad esempio non propone risultati che portano a risultati pornografici o in generale per adulti: si tratta di una decisione presa per tutelare i minori.
Infine segnaliamo che non tutti i browser sono stati (almeno per il momento) abilitati all’installazione di Google Instant: è escluso solo Opera ma per motivi tecnici che presto potrebbero essere superati.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: