Il Villaggio Virtuale

comunicazione virtuale e linguaggi della Rete

Google Social Search

Novità in casa Google. In particolare le cronache specializzate in tecnologia si sono occupate negli ultimi giorni delle evoluzioni dello strumento  Google Social Search.
Nei prossimi giorni le novità saranno disponibili solo in lingua inglese. Ma di che cosa si tratta? I risultati della ricerca social saranno ora posizionati in base alla loro rilevanza. Rilevanza che viene determinata dalla condivisione da parte di vari utenti collegati a chi sta effettuando la ricerca. Vengono integrati nei risultati socia  anche i link condivisi dai propri contatti via Twitter o altri siti. Resta ancora escluso Facebook (e la mancanza fa sentire tutto il proprio peso) che resta un punto critico per tutto il progetto di Google.
Grazie a Google Social Search viene offerta agli utenti la possibilità di collegare diversi account di social network al proprio profilo Google, sia pubblicamente, sia privatamente.
Ricordiamo che Google Social Search era stato lanciato nell’ottobre del 2009, ma da allora non ha mai ottenuto un grande successo, forse complice la poca rilevanza che Google stesso dà al nuovo servizio (resta infatti relegato in fondo alla pagina). All’inizio non faceva altro che aggiungere ai risultati individuati tradizionalmente alcune pagine prodotte dai propri contatti di social network (Twitter, FriendFeed, Picasa, Blogger e Google Reader, ma non Facebook). Mancava l’integrazione in tempo reale e quindi Google Social Search non aveva rappresentato una novità particolarmente rilevante sul motore di ricerca.
Però l’impegno di Google su questo fronte è continuato. Pensiamo, ad esempio, che Bing  evidenzia già i link preferiti dai propri amici Facebook con un "Mi Piace". Ma sul fronte del motore di ricerca, la strada da compiere è ancora lunga.
Google e musica
Verità o bufala tecnologica? Sembrerebbe tutto vero e confermare le voci è intervenuto anche il CEO di Motorola Mobility Sanjay Jha durante l'ultima edizione del Mobile World Congress di Barcellona. Google Music, il tanto discusso servizio di download musicale di BigG dovrebbe essere presente nell'atteso aggiornamento 3.0 di Android. Gli utenti entreranno in the cloud attraverso tablet come Xoom di Motorola.
Le voci su questa novità erano circolate prima dello scorso Natale grazie ad alcune indiscrezioni dell’agenzia di stampa Reuters. Successivamente un articolo pubblicato da Billboard parlava addirittura con precisione della tariffa di adesione annuale, vale a dire pari a 25 dollari. Poi però tutto era stato messo a tacere, probabilmente a causa delle difficili trattative che intercorrevano con le varie major del disco. Ora pare che a breve il progetto possa diventare realtà. 

Advertisements

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: