Il Villaggio Virtuale

comunicazione virtuale e linguaggi della Rete

Archivio per il tag “ricerche scolastiche”

Fare le ricerche scolastiche…oggi….

“Mamma devo fare una ricerca per domani: devo raccogliere un po’ di materiale su questi animali”. E mio figlio mi fa leggere un elenco di animali su cui deve trovare informazioni. Frequenta la terza elementare (classe a tempo pieno). E’ la sua prima ricerca. La maestra gli affida il compito il giorno stesso per il giorno dopo. “Ma tesoro, sono le 18.30. Come facciamo? E’ un sacco di lavoro. Devi ancora studiare scienze, dobbiamo fare la doccia, cenare e poi che si va a letto presto!”. “Ma mamma, va bene anche se scarichiamo qualcosa da Internet!”.

Io sono rimasta muta. Certo, c’ero arrivata anch’io: da bibliotecaria, abituata a fare ricerche bibliografiche online per mestiere, non è un problema trovare materiale sul coccodrillo, sui serpenti, sulle tartarughe ecc.. Anche in poco tempo.

Ma lui è un bambino, non ha ancora 9 anni, deve ancora imparare cosa vuol dire “fare una ricerca”: siamo sicuri che il metodo giusto (tanto per iniziare bene un lungo cammino di studio) è semplicemente scaricare “qualcosa” da Internet?

Lo ammetto, alla fine abbiamo scaricato parecchio materiale dal web (da solo non ci sarebbe riuscito mai) ma mi sono armata di pazienza e tempo e gli ho proposto di cercare anche un libro tra i tanti che fortunatamente (per lui) abbiamo in casa. E alla fine ha trovato proprio un bello, classico, semplice, completo (adatto proprio per le prime ricerche scolastiche) libro dedicato a tutti gli animali. E così ha portato tutto a scuola: le stampe da web e il libro.

Questa settimana dedico quindi la rubrica ad una riflessione, che desidero condividere con voi lettori: come possiamo educare i nostri giovani a guardare alle nuove tecnologie non come una scorciatoia ma come ad uno strumento di supporto allo studio, alla ricerca, all’approfondimento?

Per esperienza so che il web è oggi il canale preferenziale per la ricerca e lo studio, ma ad alti livelli. Forse ai bambini dobbiamo insegnare anche che il tempo impiegato a cercare un libro in libreria o in biblioteca, non è tempo perso. Mai. Dizionari ed enciclopedie cartacee, per nostra fortuna, non sono ancora andate in pensione.

Annunci

Navigazione articolo